Influenza e..Alimentazione!

Alimentazione e influenza come prevenirla e combatterla

L’influenza, anche quest’anno si è fatta e si farà sentire e tutti noi sappiamo bene i disagi che porta stare a casa malati. 

Disagi che, oltre sulla sfera personale, si ripercuotono su tutto ciò che ci circonda, il lavoro, la famiglia, la casa.  Con i tempi che corrono stare a casa malati finché non ci rimettiamo completamente è diventato un lusso e bastano davvero pochi giorni per ritrovarsi sommersi da mille impegni lasciati in sospeso. 

L’unico pensiero che ci assilla mentre ci misuriamo la febbre coperti fino alle orecchie è: quando passerà? Quando starò bene? La risposta e i tempi di guarigione sono dettati proprio dall’alimentazione. 

 La qualità del cibo che assumiamo può sia prevenire attacchi da virus e batteri che farci guarire più velocemente. Come? Continuate a leggere….

Un’alimentazione ricca di frutta e verdura abbinata a una costante attività fisica manterrà in forma il nostro sistema immunitario ma se ciò non bastasse a bloccare i fastidiosi virus ecco cosa fare per tornare presto in piedi e senza strascichi.

Per prima cosa bisogna cambiare un po’ le nostre pietanze cercando di ridurre al massimo le proteine di origine animale (carne, pesce, formaggi, latte, uova, affettati) soprattutto i prodotti caseari poiché aumentano le secrezioni mucose peggiorando tosse e raffreddore in più, le proteine animali, favorisco la flora intestinale putrefattiva a scapito della fermentativa rallentando il processo di guarigione e affaticando l’intestino. Scegliete proteine vegetali (legumi, tofu, pasta, pane e riso integrale, avena, farro, mandorle, noci, nocciole, pinoli…) che oltre a non appesantirvi vi aiuteranno a guarire presto grazie alle loro benefiche qualità. 

Una volta fatto questo importante passo, dobbiamo aumentare considerevolmente l’apporto idrico, di frutta e di verdura biologica per avere sempre a disposizione sali minerali e vitamine, indispensabili armi per le nostre difese immunitarie e per ripristinare le scorte perse con la sudorazione. 

A questo punto il gioco è fatto adesso qualche ultimo consiglio su semplici rimedi naturali che vi aiuteranno a guarire.

L’infuso di fiori di Tiglio sia per voi che per i vostri bambini serve ad abbassare la febbre e maturare la tosse, se invece avete il raffreddore utilizzate tisane a base di piante balsamiche come Eucalipto, Timo, Menta e Pino.

Nel caso soffriate di disturbi legati all’apparato digerente, vi aiuteranno tisane a base di camomilla, malva, zenzero e liquirizia almeno 3 tazze il giorno.

Ovviamente Propoli e Miele (accertatevi che siano di derivazione biologica e italiana) sono d’obbligo quando stiamo male assieme ad estratti liquidi o in capsule di Echinacea.

Ippocrate, considerato il padre della medicina, medico e ricercatore greco del 300 A.C. in suo libro scriveva: “Non puoi conoscere le malattie dell’uomo se non conosci il cibo” e noi dobbiamo far tesoro di tali parole non solo quando stiamo male ma tutti i giorni perché è ciò che mangiamo a determinare la salute e purtroppo anche la malattia. 

A cura della Dott.ssa Nardi Agnese Nutrizionista