Alcuni miti da sfatare!

PULIRSI L'ORECCHIO CON I "BASTONCINI"  - Molti ritengono che per tenere il canale auricolare libero da cerume sia necessario utilizzare gli appositi "bastoncini" di cotone. Niente di più sbagliato. Facendo così si rischia di spingere il cerume all'interno e di compattarlo ancora di più. Se poi si utilizza la procedura con i bambini si rischia anche di danneggiare la loro membrana timpanica. Per liberarsi dal cerume ci sono prodotti appositi oppure l'otorinolaringoiatra. I bastoncini possono andare bene per l'ombelico. 
miti da sfatareTAGLIARSI I PELI LI FA CRESCERE PIÙ GROSSI E PIÙ IN FRETTA - È uno dei miti più duri a morire. Uno studio ha smentito questa credenza già 80 anni fa, ma non è bastato. Il fatto che un pelo sembri ricrescere più "robusto" dopo essere stato tagliato dipende solo dal fatto che è più scuro di quello reciso perché non è stato ancora esposto alla luce. E se sembra più alto è perché non è stato ancora schiacciato da nulla. 
"NATURALE"  È PIÙ SICURO - La maggior parte delle medicine deriva da prodotti naturali, quindi piante ed erbe hanno poteri terapeutici. Ma molto piante ed erbe contengono anche potenti veleni e tossine. Il lavoro fatto dai chimici serve proprio a depurare i principi utili da quelli dannosi e a concentrarli. L'unica cosa che può garantire la sicurezza sono studi clinici seri e controllati, non la "naturalezza".
Perfettamente allineato con la nostra visione del naturale.
FARE UN CLISTERE PER PULIRE L'INTESTINO - Non serve, a meno di precisa indicazione medica. L'intestino non è "sporco" e questa pratica rischia di danneggiare il colon. Se si vuole pulire l'organismo da qualche sostanza che si ritiene tossica o dannosa meglio bere molto per eliminarla il prima possibile.
Perfettamente allineato con la nostra visione sulla idrocolonterapia).
ASPETTARE PIÙ TEMPO POSSIBILE PRIMA DI PRENDERE GLI ANTIDOLORIFICI - Se si ha, per esempio, un serio mal di testa è meglio prendere un analgesico il prima possibile: non si soffre inutilmente e la pillola risulta più efficace.
NON FARE IL BAGNO DOPO MANGIATO - Dopo mangiato il sangue viene attratto verso stomaco e intestino, che devono "lavorare" per digerire. Quindi ne rimane a disposizione meno per i muscoli e per il resto dell'organismo. Se si svolge un'attività fisica intensa dopo mangiato si verifica quindi una "competizione"  fra apparato digerente e muscoli che "si contendono"  il sangue. Questo può comportare una difficoltà a digerire o una particolare stanchezza che può portare in qualche caso allo svenimento per "furto di sangue" al cervello. Se ciò accade in acqua è chiaro che i rischi sono alti, perché si rischia l'annegamento, ma un conto è fare un bagno in mare, in acqua fredda dopo mangiato, oppure fare una partita di tennis sotto il sole dopo mangiato, un altro conto è "pucciarsi" in acqua calda o tiepida in una piscina dove si tocca o nel bagno di casa. È evidente che il rischio è diverso.